Home Approfondimenti Informazioni utili sulla simulazione di lavoro domestico ed illecito

Informazioni utili sulla simulazione di lavoro domestico ed illecito

by Class Action Italia
59 views

Immigrati lavoro domestico simulazione e illecito

Il rapporto di lavoro domestico si divide in tre tipologie:

  1. Collaboratori familiari
  2. Assistenza a persone non autosufficienti con handicap 
  3. Assistenza a minori con handicap.

Il lavoro domestico costituisce un rapporto di lavoro c.d. speciale rispetto al lavoro subordinato (art. 2094 c.c.).

La legge n. 339 del 1958 disciplina il lavoro dei collaboratori domestici. 

Il collaboratore familiare presta la propria opera in modo continuativo e prevalente con almeno 4 ore giornaliere presso lo stesso datore di lavoro, con mansioni finalizzate alla cura e all’andamento della vita familiare.

Pertanto chi è assunto con mansioni di lavoratore domestico non può svolgere attività di subordinazione alle dipendenze di un’impresa.

Tuttavia è frequente che il lavoratore venga assunto per simulare un rapporto di lavoro fittizio: il contratto che è sottoscritto è quello dei domestici ma la prestazione lavorativa è eseguita presso un’impresa con mansioni di lavoratore subordinato.

L’utilizzo da parte del datore di lavoro della prestazione come collaboratore domestico comporta:

  • mansioni e orario della prestazione meno onerosi
  • diminuzione retribuzione (paga)
  • diminuzione contributi previdenziali e assicurativi  
  • riduzione oneri fiscali

Il lavoro dichiarato(domestico) e quello simulato possono essere denunciati all’Ispettorato del Lavoro, all’Inps e al Fisco per ottenere l’emersione del vero rapporto di lavoro con paga, contributi previdenziali e assicurativi, oneri fiscali adeguati alla prestazione effettivamente svolta.

Il datore di lavoro sarà sottoposto alle sanzioni gravi previste dalla legge perché non si può simulare un rapporto di lavoro.

Spesso tale simulazione viene utilizzata per l’emersione degli immigrati clandestini ad un minor costo, ad oggi sono circa 200.000 le domande presentate nell’anno 2020 per consentire ai clandestini di ottenere il permesso di soggiorno con la tipologia del lavoro domestico.

Potrebbe interessarti anche

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online.

L'utente dichiara di  acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies previsti da questo sito.