Home Banche Class Action Italia ha ottenuto accesso civico agli atti con il rigetto del diniego di Compass S.p. A.(sent. TAR LAZIO n. 1381 del 7/12/2020). 

Class Action Italia ha ottenuto accesso civico agli atti con il rigetto del diniego di Compass S.p. A.(sent. TAR LAZIO n. 1381 del 7/12/2020). 

by Class Action Italia
214 views

Ottenuto accesso civico agli atti con il rigetto del diniego di Compass S.p. A.

L’accesso civico (Art. 5 comma 2, D. Lgs. 33/2013) uno strumento previsto dalla legge per consentire a chiunque faccia richiesta alla pubblica amministrazione di accedere ai dati e/o documenti di suo interesse posseduti dalla stessa Pubblica Amministrazione. 

 Scopo: 

– favorire forme diffuse di controllo sulle funzioni pubbliche 

– controllo sull’uso del denaro pubblico  

– promuovere la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica 

L’accesso civico è negato nel caso di: 

interessi pubblici (sicurezza e ordine pubblico; sicurezza nazionale; difesa e questioni militari; relazioni internazionali; politica e stabilità finanziaria ed economica dello Stato;  conduzione di indagini sui reati);

 interessi privati che arrecano un pregiudizio concreto alla tutela di: protezione dei dati  personali; libertà e segretezza della corrispondenza; interessi economici, commerciali di una persona fisica o giuridica, ivi compresi proprietà intellettuale, diritto d’autore e i segreti commerciali. 

L’associazione Class Action Italia ha proposto istanza di accesso civico generalizzato all’AGCM Antitrust per ottenere specifici documenti menzionati nel provvedimento sanzionatorio dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato n. 28011 del 27 novembre 2019, adottato a definizione del Procedimento PS11198 in cui la Compass S. p.A è stata sanzionata per aver posto in essere una pratica commerciale scorretta.  

Il comportamento illecito della Compass S.p.A. consiste nell’ «abbinamento forzoso, al momento della stipula di contratti di finanziamento personale, di prodotti assicurativi non collegati al credito, di cui la stessa finanziaria è intermediaria». 

La richiesta di accesso civico generalizzato da parte di Class Action Italia è stata accolta dall’Antitrust. 

Class action Italia ha ricevuto i molti reclami proposti dai cittadini per l’illecito subito. 

Compass S.p.A. ha impugnato la decisione dell’AGCM dinnanzi al TAR Lazio chiedendo l’annullamento dell’accesso perché avrebbe arrecato grave e irreparabile pregiudizio alla società finanziaria. 

L’Autorità garante della Concorrenza e Mercato (AGCM) e l’associazione Class Action Italia si sono costituite nella causa ottenendo la vittoria con il rigetto della richiesta di Compass S.p.A (sent. TAR LAZIO n. 1381del 7/12/2020). 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online.

L'utente dichiara di  acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies previsti da questo sito.