Home Class action “Carta dei servizi e azione di classe per la qualità dei servizi pubblici”

“Carta dei servizi e azione di classe per la qualità dei servizi pubblici”

by Class Action Italia
669 views

La carta dei servizi pubblici, introdotta in Italia dal Dpcm del 27 gennaio 1994, ha l’obiettivo di garantire la qualità delle prestazioni dei servizi pubblici locali e tutelare i diritti dei consumatori.

La legge n. 244 del 24 dicembre 2007 con la finalità di tutelare i diritti dei consumatori e degli utenti dei servizi pubblici locali e di garantire la qualità, l’universalità e l’economicità delle relative prestazioni ha ribadito l’obbligo di emanare una “Carta della qualità dei servizi” recante gli standard di qualità e di quantità relativi alle  prestazioni  erogate, così come determinati nel contratto di servizio, nonché proporre reclamo e individuare le modalità di ristoro dell’utenza,  in  forma  specifica  o  mediante restituzione totale o parziale del corrispettivo versato, in caso  di inottemperanza.

La redazione della carta di servizi tra l’ente pubblico e il gestore del servizio costituisce una specifica previsione contrattuale, che impegna la PA e il medesimo gestore alla adozione di indicatori quali-quantitativi atti a misurare la qualità dei servizi e le prestazioni erogate, nonché a prevedere forme di coinvolgimento attivo dei beneficiari dei servizi attraverso necessariamente la consultazione disposta per legge.

I gestori devono individuare gli elementi minimi da inserire nei contratti di servizio e nelle carte di qualità dei servizi pubblici locali.

La legge n. 244 del 24 dicembre 2007 ha ribadito l’importanza della carta dei servizi, prevedendo l’emanazione di standard di qualità e di quantità delle prestazioni erogate. In caso di inottemperanza dei gestori del servizio pubblico, i cittadini possono tutelarsi attraverso l’azione di classe, prevista dalla legge 31/2019, per il risarcimento del danno.

Diversamente la normativa della class action pubblica, d.lgs. n. 198/2009, consente ad una pluralità di utenti e consumatori di agire in giudizio nei confronti delle amministrazioni pubbliche e dei concessionari di servizi pubblici per obbligare i gestori del servizio ad attivarsi nella emanazione degli standard di qualità contenuti nelle carte di servizi.

In particolare, per quanto riguarda il trasporto pubblico, l’articolo 48, co.12 ter, del decreto-legge 24 aprile 2017, n. 50, stabilisce che i passeggeri hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto in caso di cancellazione o ritardo superiore ai sessanta minuti per i servizi di trasporto regionale o locale, o a trenta minuti per i servizi di trasporto pubblico svolti in ambito urbano.

Potrebbe interessarti anche

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online.

L'utente dichiara di  acconsentire all’utilizzo dei cookies in conformità con i termini di uso dei cookies previsti da questo sito.
Skip to content