UNIPOLSAI ASSICURAZIONI S.P.A

PRATICA

L’Autorità Garante della Concorrenza ha condannato UNIPOLSAI, al pagamento della sanzione di € 1.800.000 (Provvedimento AGCM n. 26025/2016) per aver chiamato in giudizio con un atto di citazione il consumatore davanti alla Autorità Giudiziaria incompetente (art. 66 bis del codice del consumo, è competente il tribunale ove ha la residenza il consumatore- competenza inderogabile).

Difatti, in violazione del codice del consumo, la società assicuratrice, ha chiesto il pagamento del premio con una pratica commerciale scorretta e aggressiva al fine di recuperare il proprio credito.

In altri termini, come affermato dalla Autorità, UNIPOLSAI ha indotto in errore il consumatore ingenerando in quest’ultimo, con modalità aggressive attraverso un indebito condizionamento, “il convincimento che sia preferibile provvedere al pagamento dell’importo richiesto, piuttosto che esporsi ad un contenzioso giudiziario presso un foro diverso da quello della propria residenza, circostanza che rende più onerosa e difficoltosa la comparizione in giudizio”.
La società UnipolSai ha inoltrato, attraverso i suoi legali, atti di citazione in giudizio presso un unico Autorità Giudiziaria, riportanti l’indicazione di una data d’udienza, senza depositare le citazioni in tribunale, così come previsto dalla legge. invogliando a maggior ragione il consumatore ad assumere una decisione di natura commerciale che non avrebbe altrimenti preso.

FAQ

Il titolare del contratto di assicurazione che prevede il tribunale competente diverso da quello di residenza del contraente e quelli che hanno ricevuto atto di citazione con chiamata in giudizio presso il Tribunale e/o Giudice di Pace diverso da quello di residenza del contraente.


1) Contratto di assicurazione sottoscritto con UNIPOLSAI Assicurazioni S.p.A
2) Copia atto di citazione notificata
3) Copia di altra documentazione ritenuta utile
4) Descrizione di altri comportamenti scorretti di UNIPOLSAI Assicurazioni S.p.A

UnipolSai Assicurazioni S.p.A

Risarcimento del danno da determinarsi caso per caso.

A) Consulenza
€ 50 complessivi per consulenza resa dagli Avvocati dell’Associazione con rilascio fattura (comprensivi di IVA , CPA, spese generali 15%).

B) Compenso per Azione giudiziaria (CLASS ACTION)
In caso di vittoria sarà dovuto ai legali il seguente compenso:
rimborso tra € 1,00 e € 100,00 ; compenso = € 10
rimborso tra € 101,00 e € 300,00 ; compenso = € 20,00
rimborso tra € 301,00 e € 500,00 ; compenso = € 50,00
rimborso tra € 501,00 e € 700,00 ; compenso = € 75,00
rimborso tra € 701,00 e € 1000,00 ; compenso = € 100,00
rimborso tra € 1001,00 e € 1500,00 ; compenso = € 150,00
superiore a € 1501,00 ; compenso = € 200,00

C) Rischio ulteriori spese
Le spese processuali seguiranno l’eventuale soccombenza nella causa.

D) Spese di giudizio
Le spese di giudizio (contributo unificato, marca da bollo, notifiche, etc.) sono anticipate interamente dagli avvocati e non verranno richieste agli aderenti e ai partecipanti, con esclusione dei costi per eventuali consulenze tecniche d’ufficio disposte dall’Autorità Giudiziaria.

Per valutare il caso, compilare il form di contatto.

(Riceverai una mail con le istruzioni per il pagamento di € 50 tramite Paypal o Bonifico Bancario)

(condizioni del servizio)

Ho preso visione e accetto le condizioni di servizio

Dichiaro ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n.196 del 30 giugno 2003, di essere stato informato che i dati personali contenuti nella presente dichiarazione saranno trattati, anche con strumenti informatici, esclusivamente nell'ambito del procedimento per il quale la presente dichiarazione viene resa.